Browse By

Cos’è la marchiatura della bici

La marchiatura delle biciclette è un servizio fornito dall’Associazione Culturale CicloSpazio di Bari, con il quale ha vinto il bando regionale Principi Attivi del 2010, che prevede la marchiatura indelebile di un codice di identificazione sul telaio delle biciclette, secondo un sistema già adottato in altri paesi europei e in numerose città del nord Italia. Scopo della marchiatura è contrastare il furto e la rivendita illegale delle biciclette, entrambi fenomeni in allarmante crescita, e di creare una Anagrafe della Bicicletta che consenta di ricondurre il mezzo al legittimo proprietario in caso di ritrovamento.
La registrazione e la marchiatura
Il richiedente compila un form prestampato nel quale fornisce le sue generalità e i dati della bici (marca, modello, colore, numero di telaio del costruttore se presente e altre peculiarità del mezzo) e contestualmente dichiara di esserne il legittimo proprietario. I dati del proprietario sono custoditi all’interno dell’Associazione, mentre sulla pagina web relativa alla bici viene inserito solo il nome di battesimo del proprietario o, su richiesta, il suo nickname: scopo della marcatura e dell’Anagrafe non è la registrazione del proprietario ma l’assegnazione di un’identità univoca alla bici.
L’operazione di marchiatura consiste nell’incisione tramite apparecchio a micro percussione di una targa formata da 9 cifre tra lettere e numeri (es.: BA0001CS)  di circa 8 mm di altezza in un punto visibile del telaio in metallo (sono esclusi tutti gli altri materiali come il carbonio per il quale adoperiamo un sistema non invasivo). È possibile personalizzare la scritta della targa così come la larghezza e l’altezza delle cifre. La bicicletta marchiata viene fotografata ed inserita nel sito web contenente il database dell’Anagrafe della bici. Ogni bici ha una sua pagina web personale il cui indirizzo genera un codice Qr univoco che viene applicato tramite adesivo ultradistruttibile sul telaio della bici. Al proprietario viene consegnata una tessera della grandezza di una carta di credito contenente da un lato i suoi dati personali e dall’altro i dati relativi al mezzo, la foto e il codice Qr. In questo modo è possibile dimostrare di essere i legittimi proprietari della bici sia in caso di furto che di ritrovamento e al tempo stesso la bicicletta  marchiata risulta invendibile se non accompagnata dalla tessera rilasciata al legittimo proprietario.

Leave a Reply